A tutto Est: in Giappone

venerdì 8 novembre 2013

La festa dei morti 2012-2013: Corsica

C’è chi mette le zucche fuori e manda i piccoli a proporre dolcetto o scherzetto, chi va a portare i fiori, chi sposta le ossa lungodegenti dalle tombe e le porta in processione, chi fa una grande festa, insomma dei morti sembra esserci il culto in tutto il mondo.
Io per coincidenza di ponti e festività, è il secondo anno che lascio l’Italia per un giro all'estero.
L’anno scorso è stato l’anno della Corsica, di cui non ho parlato qui, di cui non ho mostrato neanche una foto. E dire che era un week end tutto fotografico il nostro!
Con me la Diana F e la Zenza Bronica con i dorsi 120, 135 e polaroid…ma polaroid non ha funzionato quasi mai...

I "morti" in Corsica non si sono visti, però il cimitero sì, quello musulmano...lungo il mare di Saint Florent e poi chiese e chiese perse nel nulla e la Corsica d'estate e d'inverno ti riserva sempre delle belle sorprese.

analogico Diana F - splitzer
analogico Zenza Bronica - dorso 135mm
analogico Zenza Bronica - dorso 120mm
qui il LOMO-album "la Fête des morts 2012"

9 commenti:

  1. splizer nel senso che? come fa a farle così? ottura solo a metà e poi devi nuovamente scattare? e perché è tonda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://shop.lomography.com/it/diana-splitzer è un aggiuntivo lomo per la Diana. Sì, scatti multipli e giri la lunetta celeste. Facile da costruire!

      Elimina
  2. album: la spiaggia... e cez sandra mi piace tantissimo.. logicamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa mi diceva che avrei letto questo commento!

      Elimina
    2. potrebbe far parte della serie: "images to delight the heart of cbp"

      Elimina
    3. Vai! E poi torni a fare la Blogger! !Aleee

      Elimina
  3. la prima è veramente fantastica

    RispondiElimina
  4. Lo splitzer, gente, lo splitzer è una potenza, una potenza, costringe, costringe a pensare la foto, poi scattare, poi ripensare, poi scattare, poi pensare e di nuovo di nuovoooo attendendo il risultato super pensato col cervello che ribolle (il tutto detto piegato in due a pugni stretti con aumento di volume della voceee). Ecco, scusa, riprendo a studiare.

    RispondiElimina