A tutto Est: in Giappone

domenica 29 settembre 2013

29 settembre

Ballavamo ad una festa privata ed E. mi chiese se volevo che diventassi la sua ragazza, io mi sa che dissi subito di sì. "Mi sa" perché di quella sera ricordo poco, tipo di chi fosse la festa e che era appena uscito "Oro Incenso e Birra" di Zucchero, poi ricordo le farfalle nello stomaco, in testa, ovunque e il sorriso stampato che più non tolsi. La sera, in camera, mia sorella mi guardò e prima di spegnere la luce mi disse "ma devi dormire con quella faccia? Ma che ti è successo?" Giacevo ad occhi chiusi e, coperta dal lenzuolo fino al sorriso stampato, ripercorrevo ogni farfalla...Correva l'anno 1991 e la sera del 29 settembre, di E. m'innamorai. 
Poi dopo 10 giorni esatti E. mi lasciò, così, senza parole. Tipico di quell'età.
Piccoli eravamo, piccoli, ora si dice adolescenti, ma eravamo piccoli e per me quello fu come un lutto. Io, E. continuavo a vederlo, facevamo parte della stessa comitiva. E per un anno ancora, E. a me ha continuato a "piacermi".
Pochi anni dopo Lilly si innamorò di M. ma tanto, proprio tanto, nel senso che non capiva più un cazzo (abbiamo anche litigato per colpa di M. io e Lilly!) Lilly era (è) un genio nel mettere insieme le cose, capirle, intuirle, conservarle ed elaborale, ma soprattutto cercarle. Così, in cerca di M. e dei suoi dettagli ce ne andavamo io e Lilly con la vespa 50 degli anni '90 ormai inoltrati a cantare a squarciagola un motivo maledetto (appunto!!!) di Irene Grandi.
Lilly e M. una sera camminano mano nella mano. Lilly era FE-LI-CE.
Poi M. parte, più che altro sparisce, anche lui senza dire molto e la lascia. Tipico di quell'età? No...M. era più che adolescente. Diciamo tipico del momento: vado a nord, quindi...Lilly resta innamorata e sola un 29 settembre.
Per questi due episodi, io e Lilly abbiamo deciso da circa 20 anni che il 29 settembre è il nostro giorno sfortunato e che il 29 in generale è il nostro numero sfigato.
Negli anni io e Lilly siamo cresciute, cambiate, preso strade diversissime, lei ha sposato uno nato il 29 e rischiato di farlo di 29. Io ho perso cose importanti nei vari 29 di altri anni, ho perso treni, occasioni, mi sono bruciata una mano, mi sono pentita di 29... Abbiamo dovuto smettere di ascoltare la canzone di Maurizio Vandelli, 29 settembre, in questi 20 anni, e per esorcizzare io e Lilly ci facciamo il resoconto delle sfighe dei 29, ovunque noi siamo. Il 29 è diventato per noi forse il modo più semplice per non perdersi. Io so che quando Lilly sente questo numero, il suo pensiero va a me e il mio a lei. Quindi, di base almeno una volta al mese ci pensiamo.
Le semplici cose.

Ecco qui il 29 settembre del 2013. Tiè, Lilly.
Oggi è il primo vero giorno d'autunno, qui fuori dalla mia finestra. Guarda che tramonto per il nostro giorno...






29 settembre 2013

Marina di Pisa

POLAROID LAND 210 - Fuji 100C




9 commenti:

  1. Risposte
    1. a volte basta affacciarsi alla finestra!

      Elimina
    2. dipende da quale finestra!

      Elimina
  2. Anonimo10:40

    Su "Un motivo maledetto" mi arrendo, ho il fosforo atrofizzato perchè lo avevo totalmente rimosso...ora però una tantum sei costretta a rispolverare i "nostri" ricordi!
    Lilly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E "La mia storia tra le dita"? Ho evitato...

      Elimina
  3. the old friend (more 20 years)19:24

    Il 29
    Era un 29……
    il 29 giugno, la città si preparava alla festa….
    faceva caldo quella sera del 29 giugno 1992
    quando un fulmine invase il mio cielo.
    Fu devastante, illuminante e fece male,
    tanto male.
    Me ne resi conto subito, troppo complicato,
    soffrirai mi dissi,
    cercai di scappare, ma non ci riuscii….
    Ed allora lo negai, e cercai di andare avanti,
    anche se lui rimase sempre lì….
    Era il 29, un’altra volta il 29 giugno,
    tre anni dopo ero lì, tremante per l’ultimo atto del liceo, “ l’orale”,…
    di qui in poi, una nuova vita mi dicevo!
    Ma lui il 29 giugno tornò, con “l’esame” all’università…
    sì, proprio con l’esame che tutti temevano (il prof segava sempre),
    che ricordo il sospiro di sollievo, nonostante il voto misero, ma con la gioia di essere stata tra le mosche bianche a passare.
    Tu 29 giugno, onomastico di tanti affetti ( W San Pietro e Paolo), quest’anno hai anche visto il coronamento del sogno d’amore di una splendida persona,
    un’amica di tante avventure, lacrime e libri.
    Caro 29 giugno, ormai parte di me…porta d’ingresso (sarà un caso?) di ogni nuovo anno della mia vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara la mia "old friend, more than 20 years". Grazie per il tuo contributo, bello, bellissimo, spero la Lilly lo legga presto...è anche un po' suo.
      (se so chi sei, siamo "more than 20...almost 25 years" che ci conosciamo e fra 4, bè, saranno 29!)

      Elimina
  4. Wow!!! Che bellissima storia...!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non pensavo riscuotesse tutto questo successo...grazie!

      Elimina